progettoathanasius

Flamenco al cinema

flamenco al cinemaA proposito di flamenco al cinema non si può prescindere da Carlos Saura e Jaime Chávarri, l’uno cronista dell’emancipazione del flamenco dall’oleografia, l’altro biografo di un mito quale Camarón de la Isla. Saura, in particolare, giunge a maturità artistica in coincidenza con la caduta del franchismo, fungendo da ponte tra il cinema di regime degli anni Cinquanta e il NCE o «Nuevo Cinema Español».

La relazione tra flamenco e cinema ha tuttavia origini più antiche. Sono passati pochi mesi dal dicembre 1895, quando il proiettore inventato a Parigi fa il suo ingresso in Spagna, portato dai tecnici degli stessi fratelli Lumière, incontrando scenari di arretratezza che resteranno impressi nelle sequenze sociali e pedagogiche tipiche del cinema spagnolo delle origini. Del 1909 è la prima ripresa ufficiale di una performance di flamenco. Ha la forma di un “corto”, teso a catturare l’esibizione di El Mochuelo, un popolare cantaor di Siviglia.